NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Nymphomaniac - Volume I

  • Titolo originale: Nymphomaniac
  • Paese: Danimarca, Germania, Regno Unito, Belgio
  • Anno: 2014
  • Regia: Lars Von Trier
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 145 min.
  • Cast: C. Gainsbourg (Joe), S. Skarsgård (Seligman), S. Martin (Joe da giovane), S. LaBeouf (Jerôme), C. Slater (padre di Joe), J. Bell (K), U. Thurman (Mrs. H)
  • Sceneggiatura: L. Von Trier
  • Soundtrack: n.p.
  • Fotografia: M. A. Claro
  • Montaggio: C. Buch
  • Distribuzione: Good Films
  • Uscita in sala: 03.04.14
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: Joe, una donna che viene trovata stesa a terra in un vicolo dal Sig. Selingman , racconta le proprie vicende sessuali, dall'infanzia fino all'età di 50 anni. La storia è in due parti: la prima a sua volta divisa in cinque capitoli, mentre la seconda in tre.
  • Voto redazione: 8
Vota il film:
(6 Voti)

Scritto da Greta Colli

Mea vulva, mea vulva, mea maxima vulva

 

Il tanto discusso Nymphomaniac è stato presentato oggi alla stampa della 64esima edizione del Festival di Berlino. Probabilmente il film più atteso alla Berlinale nonostante sia fuori concorso.

Lars Von Trier continua il suo viaggio all'interno dell'universo femminile che tanto sembra attrarlo e confonderlo. Completamente assuefatto da quello che ancora da molti viene definito come "il sesso debole" passando da Le onde del destino a Dogville, fino ad arrivare ai più recenti Antichrist e Melancholia, il regista danese scarnifica il corpo della donna e con la precisione di un chirurgo entra nei punti più profondi per raggiungere l'essenza del frutto proibito.

Se in Melancholia ci si addentrava nelle emozioni più ancestrali, con Nymphomaniac si analizzano le linee del corpo femminile e il suo sesso. Primo capitolo di due volumi, il film ci racconta la storia di Joe, ninfomane, dice, sin dall'età di due anni. Narratrice di se stessa, Joe segue passo passo i momenti più cruciali della sua vita, tenendo alta la curiosità del suo interlocutore, il Sign. Seligman e del pubblico in sala. Tutto nella vita di Joe ruota intorno al sesso, utilizzato come forma di ribellione nei confronti dell'amore. L'istinto impossibile da reprimere che ha come unico scopo quello di soddisfare.

Nymphomaniac ti colpisce sin dalle prime scene offrendo la chiave della serratura più ambita nella storia dell'essere umano, inteso come uomo e donna. Nessun gioco del vedo non vedo, la macchina da presa non trascura alcun dettaglio ma, scena dopo scena, supera il livello di voyeurismo per diventare occhio scientifico.

Il film preceduto da clip mozzate, censure e commenti, lascerà stupito chi già lo additava come pornografico. Il sesso c'è, non neghiamolo, ma è talmente indispensabile al racconto che diventa mera descrizione e non oltraggio visivo. C'è un limite da non superare e nonostante Von Trier sia il re della provocazione, pare che sappia sempre quando è il momento di fermarsi.

 

Voti della redazione

Media voti Cinema Bendato

Alessia Paris

Greta Colli 

8½

Noa Persiani

Lorenzo Bottini

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.