NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Dietro la porta chiusa

  • Titolo originale: Secret beyond the door
  • Paese: U.S.A.
  • Anno: 1947
  • Regia: Fritz Lang
  • Genere: Noir
  • Durata: 99 min.
  • Cast: J. Bennet (Celia Lamphere), M. Redgrave (Mark Lamphere), A. Revere (Caroline Lamphere), B. O’ Neil (Miss Robey), N. Schafer (E. Potter), P. Cavanagh (Rick Barrett), R. Rey (Paquita), J. Seay (B. Dwight), M. Dennis (David)
  • Sceneggiatura: S. Richards
  • Soundtrack: M. Rózsa
  • Fotografia: S. Cortez
  • Montaggio: A. Hilton
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Uscita in sala: 1.01.48
  • Visione in v.o.: Consigliata
  • Trama: Durante una vacanza in Messico, la giovane Celia si innamora a prima vista di Mark, affascinante architetto. I due si sposano e vanno a vivere nella residenza di lui. Una volta giunta nella nuova dimora, Celia scopre un bizzarro quanto inquietante passatempo del marito: collezionare camere in cui sono avvenuti omicidi famosi.
  • Voto redazione: 8+
Vota il film:
(3 Voti)

Scritto da Antonella Buzzi

Forse che tutti gli uomini non sono discendenti di Caino? 


“Il modo in cui una casa è fatta determina ciò che accade in essa”: questa frase, pronunciata dal protagonista maschile Mark all’inizio di Dietro la porta chiusa, può valere anche per l’intero film costruito da Fritz Lang, noir onirico e pieno di allegorie, che sin dal principio si contraddistingue per un’ambientazione inquietante e soffocante. La protagonista Celia, giovane e piena di vita, sposata ad un uomo che non conosce, inserita in un ambiente parimenti sconosciuto abitato da strane figure, si ritrova costretta ad indagare nel passato del marito per salvare il suo matrimonio.

 

Se, da un lato, il film è, dunque, strutturato come un giallo classico con Celia nei panni di un investigatore, che cerca di rivelare ciò si nasconde nella stanza n. 7, chiusa a chiave dal marito, dall’altro, i risvolti attraverso i quali lo spettatore viene condotto sono indagati con il metodo psicoanalitico. Celia tenta, infatti, di scoprire quale evento nel passato del marito lo abbia reso così vulnerabile. La stanza n. 7 diventa, in questo modo, non soltanto il luogo del futuro delitto, ma anche il luogo nel quale Mark ha chiuso a chiave un evento che si è affrettato a dimenticare, ma che ciononostante ha influenzato tutta la sua vita: ed è proprio tornando nella stanza n. 7, in quello spazio della mente dimenticato, che lui sarà in grado di affrontare i fantasmi del passato al fine di rimuoverli e cancellarli. Da solo, però, non avrebbe potuto portare a compimento una simile impresa, ma è grazie a Celia che può correggere la piega da serial killer che la sua vita stava prendendo; in questo senso, Celia è, da un lato, una moglie devota, un angelo del focolare, disposta a farsi uccidere pur di non abbandonare il marito; dall’altro, però, è anche il medico premuroso che aiuta il paziente a superare la malattia attraverso il dialogo e la reviviscenza degli eventi rimossi.
 

Se Dietro la porta chiusa non è di certo il primo film di Fritz Lang influenzato dalla psicoanalisi, certamente non così tanti film fanno riferimento in maniera così esplicita alla teoria dell’incoscio elaborata da Sigmund Freud.

Straordinari i due protagonisti, Joan Bennet e Michael Redgrave: la prima nei panni di una donna indipendente, sedotta dall’amore, dotata di coraggio e pazienza; il secondo nei panni di un uomo colto, ma frustrato; che crede di non aver mai vissuto, oscurato dalle donne della sua vita, capace di trasformarsi da uomo dolce a uomo spietato in un battito di ciglia. 

 

Voti della redazione

 

Media voti Cinema Bendato

Antonella Buzzi

8+ 

 

Alessia Paris

 

Greta Colli

 

Noa Persiani

 

Lorenzo Bottini

 

       

 

» ideals

 


Togliamo le bende al cinema.

Togliamoci le bende.

» sponsor



 
    

 

 

 

 

» about

 

Cinema Bendato

Manifesto

Redazione

Facebook

Twitter

Credits

Link

 

Contattaci

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.